mercoledì 22 gennaio 2014

Come un abbraccio. Arancione.



Metti insieme due persone che insieme non sono mai state; a volte il mondo cambia e a volte no. Può darsi che si schiantino e prendano fuoco, o che prendano fuoco e si schiantino. Ma a volte invece, ne nasce qualcosa di nuovo, e allora il mondo cambia. Insieme, in quel primo momento esaltante, con quella sensazione esplosiva di asces, esse sono più grandi dei loro sé individuali. Insieme, vedono più lontano, vedono più chiaro.
-          Julian Barnes, Livelli di vita-

Queste righe le dedico a te, amico mio. A te che ci sei sempre nei momenti in cui ne ho più bisogno, a te che mi hai visto in tutte le salse, a te che mi sopporti e mi supporti. Anche quando sei il primo ad essere ferito dal mio essere distante, incoerente, incostante. A te che hai sempre il sorriso sulle labbra, a te che trovi sempre la battuta pronta, a te che sei così diverso da me, tu così solare, io così cupa.
Non so bene come definire quello che sento per te, sicuramente non è amore, sicuramente non è solo amicizia. Perché come mi sento protetta quando sono con te, non mi sono sentita mai con nessun altro, perché quando sei sparito per tre anni è come se mi avessi colpito con un pugno nello stomaco, perché se non mi scrivi il buongiorno ho paura che te ne sia andato via ancora una volta.
Quando vi capita di incontrare una persona come lui, ragazzi miei, tenetevelo stretto. Perché in alcuni momenti solo lui ha saputo tranquillizzarmi con il suo abbraccio. 


E morbida, calda e dolce come un abbraccio è questa vellutata, ideale per queste giornate cupe sia fuori dalla finestra sia dentro l’anima. Mi sono innamorata del sapore di una vellutata di zucca in brick di una nota marca e ho tentato di riprodurla a casa. Non sarà buona come l’originale ma è l’ideale se si ha bisogno di una coccola. Ricetta a prova di (ed anti-) tristezza.
Vellutata alla zucca e rosmarino:
  Ingredienti per 4 persone:
-          1 kg di zucca
-          due carote
-          500 ml di latte scremato
-          4 rametti di rosmarino
-          noce moscata
-          olio evo
-          sale e pepe qb
Per guarnire (facoltativo):
semi di sesamo, semi di zucca, semi di lino e semi di girasole qb 
How to:
Pelare e privare dei semi la zucca, tagliarla a pezzi e metterla in una pentola con il latte (potete anche mettere metà dose di latte e metà di brodo vegetale), aggiungere le carote pelate, un po’ di sale, pepe, noce moscata. Mettere anche i rametti di rosmarino, ben legati insieme perché non perdano gli aghi.
Coprire la pentola e portare ad ebollizione a fuoco vivace, dopodiché abbassare la fiamma al minimo e lasciar cuocere per altri 20-25 minuti. Far intiepidire la zucca, quindi raccoglierla con una schiumarola, frullarla con il minipimer, aggiungendo un po’ del latte di cottura. Dovreste ottenere una crema densa, fate lo stesso con le carote. Rimettere sul fuoco e cuocere per altri 15-20 minuti. Servire con un filo d’olio evo.

Varianti:
-          Una variante più esotica (off limits per i palati più tradizionalisti quali mio papà) può prevedere una grattugiata di zenzero.
-          Per una variante più rustica potete lasciare gli aghetti del rosmarino nella vellutata, magari tritandoli grossolanamente con un coltello o con le forbici.
-          Si può rendere 100% cruelty-free usando latte d’avena o di riso o latte di soia purché senza zuccheri aggiunti.

Zucchina

11 commenti:

  1. Risposte
    1. e allegria per gli occhi! :) il che non guasta! Immagino che potrei accompagnarla con la tua focaccia! ;)

      Elimina
    2. ... perfetto abbinamento! ;-)

      Elimina
  2. sono rimasta indietrissimo, qui. mi sa che è bene che mi vada a guardare un po' come mi sono persa!

    no, io non ce l'ho una persona così. e Dio(?) solo sa quanto ne avrei vitale bisogno. Amico/amica/amore o chessoio, non mi importerebbe dare un'etichetta, purchè ci fosse qualcuno come il tuo amico al mio fianco. E' da tanto che sono sola, e da quest'anno mi aspetto solo questo. Niente fuochi artificiali, niente stravolgimenti, solo, trovare una persona con cui entrare in sintonia, una persona per cui essere preziosa.
    Tienitelo stretto sì!
    Un abbraccio Zucchinetta, caldo e rincuorante come solo la vellutata di zucca sa essere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nocciolina, spero davvero tu ti stia riprendendo e prendendo le cose seguendo i tuoi ritmi ..e poco importa se i tuoi ritmi non ti permettono di rimanere al passo dei miei confusi post!
      Ti auguro davvero di trovare presto una persona come lui, penso che ognuno dovrebbe avere un amico così...A me non è capitata una cosa così grande come quella che ti ha colpito ma so che in alcuni momenti il sapere di avere lui al mio fianco mi abbia salvato e mi abbia impedito di andare più giù di quanto non sia andata. Ti auguro davvero con il cuore di ricevere presto un abbraccio in cui sentirti al sicuro dal mondo, un sorriso che ti sollevi il morale, un sorriso di quelli che è impossibile non si attacchi anche a te. Non ci conosciamo ma fin dai primi commenti e dai tuoi post mi sono affezionata a te (non ti spaventare eh!) e posso solo che sperare che quest'anno, iniziato così male, ti regali qualcosa di buono, ma buono davvero, Niente fuochi d'artificio, ci accontentiamo di una lampada da comodino. Che ci stia vicino nelle notti più buie. Un abbraccio forte forte

      Elimina
  3. Ciao Zucchina :-) Mi sono fondata a leggere il tuo post... Sono commossa perché è un argomento a me molto caro :-) E' fortunato il tuo amico. Complimenti anche per la ricetta molto invitante. Un abbraccio e a prestissimo!
    Federica :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che mondo sarebbe senza gli amici? Persone che sono degli appigli, degli scogli a cui aggrapparci...il minimo che possiamo fare è dedicare loro qualche riga (ed esserci quando anche loro hanno bisogno!).
      Grazie per essere passata! Un abbraccio!

      Elimina
  4. ma come, non sarà come l'originale!!!!le cose fatte in casa, con amore sono moooolto più buone.ci saterebbe bene anche del succo di lime...
    ora basta, mi sto facendo del male a passare da tutte voi a vedere cibo.sono al mio primo giorno detox, solo centrifugati di frutta e verdura. ne avevo bisogno, ma è dura!il mio fisico sta iniziando il processo espulsivo, di depurazione.con tutto ciò che ne consegue.vediamo per quanto reggo.boh.
    fameeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faccio il tifo per te e per il tuo periodo detox! Ogni tanto ci vuole!
      Hai ragione, le cose preparate in casa sono diecimila volte meglio...sai con cosa sono cucinate e vuoi mettere la soddisfazione?!? Bella l'idea del lime, la prossima volta proverò! :)
      a presto!

      Elimina
  5. Dammi una zucca e fai di me una persona felice!! Dammi anche un minipimer.. ed é pura estasi! Altro che cioccolata, questa vellutata é un'autentica coccola! E non ha neppure le cointroindicazioni da ciccia e brufoli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io e te andiamo troppo d'accordo! Momenti di pura felicità nell'attaccare alla presa il minipimer! :)
      Ti abbraccio forte!

      Elimina